Avis, numero verde, avis giovani, fios AVIS NAzionale AVIS Toscana

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player



AVIS dona il 5 x mille

news

Relazione Morale del Consiglio Direttivo

Relazione del Presidente

Ringraziamenti

Porgo un cordiale saluto e un caloroso benvenuto a tutti. Ringrazio in primo luogo i membri del Consiglio direttivo, del Collegio dei sindaci, dei probiviri e dei gruppi avisini che hanno collaborato per migliorare la conduzione dell’AVIS Comunale e per incrementare le donazioni. Però il ringraziamento più affettuoso va ai soci donatori, perché con il loro gesto di solidarietà permettono all’AVIS di proseguire l’impegno di aiutare i malati a vivere e/o guarire.Un ricordo particolare e riconoscente va anche a chi oggi non può più donare ma rimane comunque avisino e soprattutto a chi ci ha lasciato nel 2012.

Saluto anche i soci che non sono riusciti a venire questa sera ma potranno leggere nel prossimo notiziario quanto relazionerò sulla nostra attività.Quest’assemblea è stata convocata a norma dello Statuto dell'Avis di Firenze, dell'Avis Zonale Area Fiorentina e dell'Avis Regionale Toscana tenendo in considerazione le date di convocazione delle Assemblee delle Avis sovraordinate.Possiamo affermare, tutti insieme, con grande orgoglio, di aver:·               ampiamente superato l’obiettivo Regionale con un aumento numerico delle donazioni rispetto al 2011 di 264 unità:·               posto le valide premesse, con un’attenta attività di pianificazione e programmazione, per il futuro raggiungimento di sempre più ambiziosi obiettivi. 

Attività del Consiglio

Sono trascorsi quattro anni da quando questo Consiglio Direttivo si è insediato ed, in questo lasso di tempo, ha portato a compimento i progetti prefissati.Nel corso del 2012 il Consiglio Direttivo si è riunito ? volte per la consueta ordinaria amministrazione e per organizzare tutte le attività oggetto della presente relazione:Di tali attività, desidero evidenziare quelle di maggiore rilievo:1.        la costituzione delle 3 nuove Avis comunali:·               Figline Valdarno;·               Bagno a Ripoli;·               Cerbaia.che sono nate con un numero esponenziale di donatori afferenti all’Avis Comunale di Firenze.2.        la creazione di nuovi gruppi donatori organizzati:·     ISMA;·     Pubbliacqua;·     DADA;·     Arma dei Carabinieri;·      Polizia ferroviaria·     Squadra Sportiva di Crichet allenata dal nostro socio donatore Kumar·   Associazione Rotaract: il nostro ringraziamento al presidente Gabriele Piscitelli ed al socio donatore Gianni Gallo. 3.        il consolidamento della collaborazione con le Comunità:·     dei Mormoni, con l’ausilio dell nostro socio Daniele Millo;·     Islamica, le ultime donazioni sono avvenute a dicembre presso il SIMT di Careggi.4.        La nascita di una nuova sinergia con gli sportivi del Calcio Storico Fiorentino e l’Associazione Frates; in particolare, ogni donatore che si reca nei Servizi Trasfusionali, trova una cartolina per esprimere anonimamente la simpatia per una delle 4 squadre.5.        L’accordo con l’Associazione Fratres di presidiare congiuntamente i vari Servizi Trasfusionali fiorentini consentendo ai neosoci di prenotarsi tramite Agen-Dona e ricevere l’accoglienza dell’Associazione;6.        L’accordo con Avis Regionale Toscana per aumentare le presenze d’intervento presso gli Istituti delle scuole superiori di Firenze realizzando giornate di donazione sangue per gli studenti. Ottimi i rapporti tra i volontari del Servizio Civile ed i professori delle scuole che si sono mostrati sempre disponibili.7.        L’inizio del percorso nel progetto del Servizio Civile richiedendo inizialmente un solo volontario; attualmente sono due, Tommaso e Chiara, ai quali va il nostro saluto e ringraziamento per l’ottimo lavoro che stanno svolgendo. Per il prossimo progetto abbiamo fatto richiesta di tre ragazzi con la speranza che il futuro progetto sia accolto positivamente.8.        L’ottimizzazione della programmazione nella chiamata al donatore ottimizzandola dirigendo la donazione là dove era necessaria (sangue o derivati).

9.        La creazione di un numero di telefonia mobile a disposizione dei donatori attivo 24 ore per prenotare la donazione di sangue in qualsiasi Servizio Trasfusionale della Toscana.

10.     La creazione di una rete sociale con le Associazioni su Firenze: un proficuo coinvolgimento in tutte le problematiche dei servizi sociali. Avis è diventata protagonista di questa realtà fiorentina creando due manifestazioni che annualmente si svolgono in p.zza Strozzi, riscuotendo il plauso dell’associazionismo e della cittadinanza. Alla giornata, dalle 9 alle 18 con celebrazione della S. Messa alle 10 presso la Chiesa di S. Maria Novella, ogni associazione partecipa con un proprio gazebo e svolge gratuitamente le proprie attività di propaganda:·     “Volontariato in Piazza” ·     “La giornata del Malato”, in concomitanza con la ricorrenza della Virgo di Lourdes.11.     Il miglioramento dei rapporti con le Istituzioni religiose: Avis Firenze nel 2009 incontrò l’allora nuovo Arcivescovo di Firenze Mons. Betori. Avis Firenze ha partecipato a tutte le iniziative promosse da Padre Renato Ghilardi, responsabile diocesano per la Pastorale Sanitaria.12.     Il pieno coinvolgimento delle autorità locali: all’Avis Fiorentina si sono associati il Sindaco Matteo Renzi, l’Assessore al Comune di Firenze Stefania Saccardi, il Presidente del Consiglio Comunale Eugenio Giani ed il Vice Presidente Jacopo Cellai. La loro non è stata una donazione occasionale o pubblicitaria, ma hanno continuato il loro percorso da donatori creando eventi presso la nostra Unità di Raccolta all’IOT.13.     La creazione di un punto famiglia dove otto professionisti, con specializzazioni,i differenti offrono gratuitamente ai soci donatori, una prima soluzione per la soluzione dei problemi prospettati.14.     La celebrazione delle  “feste” abituali per i donatori; fra queste, mi preme ricordare il “Carnevale Avis”. Infatti grazie alla collaborazione dei Gruppi Organizzati di Galileo, Ataf e Lazzi è stato possibile migliorare, anno per anno, l’evento con l’aumento progressivo dei partecipanti. Il Carnevale Avis ha avuto sede al Teatro della “FLOG” al Poggetto concesso gratuitamente dal suo presidente sig. Ninci proprio grazie all’intervento dei donatori del Gruppo Galileo. A tutti loro la nostra gratitudine.15.     Il trofeo “Bruno Bertoletti” la manifestazione per eccellenza. Anche quest’anno ha avuto un ottimo risultato vista la partecipazione di ben 320 podisti che, per una corsa non competitiva, è un vero successo con le iscrizioni che sono andate ben oltre le nostre aspettative! Presente alle premiazioni il Presidente del Consiglio Comunale di Firenze, Eugenio Giani. A chiusura della manifestazione, una delegazione si è recata al cimitero delle Porte Sante.Il Presidente del Consiglio Comunale Eugenio Giani e la signora Olga Fabbri  hanno ricordato Bruno Bertoletti. Infine il Presidente Giani e il piccolo Manfredi, nipote di Bruno, hanno deposto una corona d'alloro sulla tomba dell'illustre Presidente di Avis.16.     La “Giornata del Volontario” in Palazzo Vecchio. In queste quattro edizionii hanno presieduto i componenti del Consiglio Comunale, Assessore Saccardi, Consigliera Pezza, Eugeni Giani, Jacopo Cellai ed il Sindaco Renzi. Ricordo, con emozione, quella del 2010 nella quale, insieme all’ Avis Comunale di Ponte a Ema fu ricordato il socio volontario Andrea Poneti scomparso prematuramente a causa una grave malattia. 

Propaganda

Un ringraziamento sincero a tutti i donatori che oltre a donare sangue, hanno contribuito a far crescere la famiglia AVIS accompagnando nuovi donatori.Alla loro collaborazione, abbiamo abbinato le seguenti attività:1.        i giornali locali pubblicano periodicamente trafiletti riguardanti le giornate di donazione straordinarie;2.        le TV locali ci concedono delle interviste per illustrare le nostre iniziative;3.        Il notiziarioAvis Firenze Informa” è uscito in ? numeri. Cerchiamo di sensibilizzare la popolazione con diversi tipi di messaggi.4.        Newsletters5.        i canali informatici (Facebook, My space e sito Avis Firenze) gratutamente6.        ATAF, continua la campagna pubblicitaria gratuita su tutti gli autobus di Ataf: una vetrofania posta nel riquadro dietro l’autista pubblicizza la donazione del sangue e indica il numero verde.7.        i folders del “Moto Donatorio”, nel periodo estivo, sono distribuiti in modo capillare nei vari servizi commerciali del centro storico della città.8.        L’ultima pagina del libretto-programma della stagione teatrale 2012/2013 del teatro Puccini: l’agenzia pubblicitaria  si è resa disponibile per distribuire 600 folders in due periodi. 9.        i centri commerciali di Firenze e vorrei ricordare  l’appuntamento che si ripete già da qualche anno “La Bussola della Salute” presso il centro commerciale Coop di Gavinana.10.     Il noto locale Hard Rock Cafè, nell’ambito di un’ampia collaborazione, distribuisce ai propri clienti, i nostri pieghevoli nei menù del ristorante contribuendo gratuitamente a veicolare il messaggio del dono del sangue.11.     Matrix srl (Io-Pubblicità) ha inviato 9000 sms per promuovere la nostra attività a tutti i clienti Tim residenti nel comune di Firenze;12.     Le testate online di Virgilio e Repubblica.it hanno presentato dei nostri banner13.     La catena di negozi Vignoli, ai nostri donatori, previo consegna di un buono, regalano una bottiglia di vino e offrono la possibilità di uno sconto sulla spesa (non obbligatoria) del 10%.

14.     Altre attività commerciali fiorentine hanno con noi stipulato delle convenzionii (consultabili alla pagina eventi sul nostro sito) a favore dei nostri donatori.

 

Problemi aperti

Vorrei porre l’attenzione anche al Bilancio Consuntivo del 2012 in netto miglioramento rispetto l’anno precedente. Le spese sostenute dall’Associazione sono state particolarmente oculate grazie ad un’attenta gestione della Tesoriera ed un aumento delle donazioni che hanno dato risultati migliorativi. Per il risanamento completo la strada è ancora molta da fare ma alla luce odierna è stato intrapreso un giusto percorso.Un ringraziamento particolare all’Associazione ARCOIRIS, alla sua Presidente dott.ssa Mantovani e alla signora Pola, che hanno donato alla nostra associazione due computer completi. Prima di terminare questa relazione è necessario presentare i dati di attività dell’AVIS Comunale:Passiamo ora ai dati statistici del 2012.L’anno trascorso ha registrato:·         n. 3.069 soci donatori effettivi esclusi coloro che non donano da più di due anni;·         n. 8 soci ex-donatori cioè coloro che per ragioni di età o di salute hanno cessato l’attività donazionale e partecipano con continuità all’attività associativa;·         n. 9 soci collaboratori cioè coloro che con continuità esplicano funzioni non retribuite di riconosciuta validità nell’ambito associativo.·         Per un totale di n. 3.086 soci effettivi.·         Donatori attivi nel 2012, cioè coloro che nel corso dell’anno hanno effettuato almeno una donazione n. 2.867 di cui n. 2.087 uomini e n. 780 donne.·         I nuovi soci donatori iscritti nel 2012 sono n. 417 di cui n. 277 uomini  e n. 140 donne. Abbiamo registrato un + 82 di nuove iscrizione rispetto al 2011.·         Le donazioni dell’anno 2012 risultano come segue: 3.810 sangue intero, 936 plasmaferesi, 337 multicomponent. Per un totale complessivo di 5.083 donazioni. Possiamo affermare di avere ampiamente superato l’obiettivo Regionale con un aumento numerico delle donazioni rispetto al 2011 di 264 unità. 

Conclusioni

Il futuro:·         continuare su questa strada! Aumentare gli incontri nelle scuole con la collaborazione dei ragazzi del Servizio Civile.·         Essere presenti nei luoghi di lavoro.·         Creare eventi cittadini insieme alle Associazioni presenti nel territorio Fiorentino.·         Incentivare la chiamata al donatore aumentando il numero degli operatori volontari che esplicano questo compito. Maggiore presenza nei Servizi Trasfusionali e migliorare la disponibilità nei confronti del donatore.·         Il lavoro nel prossimo quadriennio si deve basare sul territorio comunale collaborando con le Università.·         Aumentare le collaborazioni per la creazione di convezioni ai soci donatori. Migliorare l’utilizzo dei canali informatici per informare i donatori.Solo chi è convinto d’essere necessario e utile, potrà permettere la realizzazione della missione dell’AVIS.Donare sangue quindi, risponde ad un preciso imperativo etico che non si esaurisce in un isolato gesto di generosità ma si traduce in un concreto comportamento civico ripetuto con costanza nel tempo. Certo che tutti condividano quanto sostenuto, non mi resta che invitarvi a rimboccarci le maniche ed operare secondo le proprie possibilità per concretizzare i nostri obiettivi.A nome del Consiglio Direttivo concludo con piena soddisfazione per i risultati ottenuti ad oggi.

Pubblicato il giorno 01/03/2013