Avis, numero verde, avis giovani, fios AVIS NAzionale AVIS Toscana

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player



AVIS dona il 5 x mille

news

INFLUENZA A(H1N1)

Il Centro Nazionale Sangue (CNS) in data 14/10/2009 ha pubblicato le Linee Guida relative al Sistema Trasfusionale riguardo all’influenza A(H1N1) in attuazione dell’ordinanza del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali del 11 settembre e 30 settembre 2009 che prevedono che i donatori di sangue periodici  siano compresi nella fascia di soggetti che rendono servizi essenziali per la salute pubblica e, quindi, da sottoporre prioritariamente alla vaccinazione A(H1N1). 

Si rammenta che la vaccinazione rimane, comunque, un atto volontario e soggetto a consenso informato. (vedi Allegato A)

Le Linee Guida individuano “le donatrici e i donatori di sangue periodici di età compresa tra i 28 e i 55 anni tra i soggetti da sottoporre  prioritariamente a vaccinazione A(H1N1) nel rispetto dell’autonomia organizzativa delle Regioni e Province Autonome”.

Il Centro Regionale Sangue (CRS), sulla base delle indicazioni fornite dalle Linee Guida del CNS, in coerenza con le disposizione emanate dalla Regione Toscana, fornisce, tra le altre, anche le seguenti indicazioni.  
  • il donatore si presenta, previo appuntamento, al servizio vaccinazione dopo aver acquisito dalla Struttura Trasfusionale di riferimento l’informazione relativa alla effettiva disponibilità del vaccino;
  • il donatore si presenta munito di documento identificativo e idonea attestazione del proprio stato di donatore periodico. Tale attestazione può essere rappresentata da:
    Ø       tessera associativa con indicazione delle donazioni effettuate;
    Ø       attestazione rilasciata dal Servizio Trasfusionale di riferimento.

 Il personale addetto alla vaccinazione dovrà controllare:
§         se il donatore rientra nella fascia di età compresa tra 28-55 anni;
§         se il donatore ha effettuato almeno una donazione negli ultimi 24 mesi.

 

 Sempre secondo la circolare del CRS, le Aziende Sanitarie devono "fornire tempestivamente a tutte le Strutture Trasfusionali aziendali:
§         l’elenco, comprensivo di orari e riferimenti telefonici, delle sedi territoriali dove viene effettuata la vaccinazione;
§         l’informazione relativa alla effettiva disponibilità del vaccino;
in modo che le suddette Strutture possano dare indicazioni chiare e certe ai donatori  ed alle Associazioni di Volontariato del sangue.  

 

Pubblicato il giorno 19/10/2009