Avis, numero verde, avis giovani, fios AVIS NAzionale AVIS Toscana

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player



AVIS dona il 5 x mille

news

#Firmasubito e #facciolamiaparte, la campagna social per la Giornata nazionale della donazione e del trapianto di organi e tessuti

Coinvolgere gli operatori della rete trapiantologica italiana per sensibilizzare i cittadini alla donazione di organi e tessuti. È l’obiettivo della campagna web e social lanciata dal Centro nazionale trapianti, insieme al ministero della Salute, in occasione della 23ª Giornata nazionale della donazione e del trapianto che si celebra domenica 19 aprile.

 

Un appuntamento particolarmente sentito soprattutto quest’anno, in un periodo in cui la diffusione del Coronavirus sta rivoluzionando le vite e le abitudini di ognuno di noi, compresa la regolare attività ospedaliera. Al posto degli eventi sui territori, il Cnt ha deciso di promuovere la mobilitazione su internet e attraverso i social network con testimonial d’eccezione: mediciinfermieri e altri rappresentanti del personale sanitario italiano presteranno i loro volti e racconteranno le loro storie, per inviare messaggi più forti ed efficaci così da smuovere le coscienze di più persone possibili.

 

Il titolo è “Io faccio la mia parte. Tu puoi fare la tua. Dì sì alla donazione di organi e tessuti” e sarà una vera e propria call to action, una chiamata alla solidarietà che punta a sensibilizzare tutti. L’iniziativa, che rientra nella campagna del ministero “Diamo il meglio di Noi”, punta a coinvolgere tutte le associazioni del volontariato impegnate nella promozione della cultura del dono, non solo di organi, tessuti e cellule.

 

Partecipare è semplicissimo. È possibile condividere i post già presenti sulla pagina Facebook – Diamo il meglio di noi aggiungendo un messaggio di sostegno e gli hashtag #firmasubito e #facciolamiaparte, oppure si possono pubblicare le proprie foto e invitare gli altri a fare lo stesso taggando sempre la pagina e quelle delle aziende ospedaliere o dell’istituzione di appartenenza di ognuno.

 

Piccole grandi azioni social per dare sostegno alla campagna con un semplice passaparola.

Pubblicato il giorno 17/04/2020